Cenni sull'oasi

L'oasi di San Giuliano fa parte del sistema di aree protette del WWF Italia. L'area, che si estende per circa 1000 ettari, è occupata in gran parte da un laghetto artificiale creato negli anni Cinquanta. Il resto comprende parte della gravina del fiume Bradano, caratterizzata da un profondo canyon, ed un tratto del fiume a monte del lago. La flora attorno al lago è molto varia e alterna una fascia di conifere ed eucalipti a zone con lembi di macchia mediterranea con lentisco, perastro, paliuro, ginepro, fillirea, biancospino, roverella. Anche la fauna è molto ricca grazie alla presenza di aironi bianchi maggiori, aironi rossi, cormorani, fischioni, alzavole, cicogne, falchi pescatori, e mammiferi quali volpi, tassi, istrici, cinghiali, e lontre.

L'oasi di San Giuliano fa parte del sistema di aree protette del WWF Italia. L'area, che si estende per circa 1000 ettari, è occupata in gran parte da un laghetto artificiale creato negli anni Cinquanta. Il resto comprende parte della gravina del fiume Bradano, caratterizzata da un profondo canyon, ed un tratto del fiume a monte del lago. La flora attorno al lago è molto varia e alterna una fascia di conifere ed eucalipti a zone con lembi di macchia mediterranea con lentisco, perastro, paliuro, ginepro, fillirea, biancospino, roverella. Anche la fauna è molto ricca grazie alla presenza di aironi bianchi maggiori, aironi rossi, cormorani, fischioni, alzavole, cicogne, falchi pescatori, e mammiferi quali volpi, tassi, istrici, cinghiali, e lontre.